Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Cura della piscina - Kimikando

Manutenzione della piscina

Cosa fare per iniziare al meglio la stagione

È di fondamentale importanza cambiare l’acqua: operazione che deve essere effettuata almeno nella misura del 50% del volume totale della piscina. Mettendo in circolo acqua nuova si può ripartire in modo più equilibrato.

Dopo il periodo invernale, occorre lavare accuratamente le pareti e il fondo della piscina, disinfettando tutte le superfici con attenzione per rimuovere tutte le impurità.

Mai trascurare la qualità dell’acqua utilizzata per riempire la piscina. In linea generale, quella dell’acquedotto comunale è migliore di quella del pozzo: quest’ultima, anche se appare chiara, ad un’analisi chimica può risultare contaminata da impurità che nel tempo possono generare alghe o acque di colore scuro.

Impiegando l’acqua comunale è quindi possibile ridurre l’utilizzo di prodotti anti-alghe e disinfettanti. Se preferite comunque utilizzare l’acqua del pozzo, è opportuno impiegare flocculanti, antiossidanti  e chiarificanti prima di riempire la piscina.

L’acqua con cui viene riempita la piscina deve avere una temperatura di circa 12°, ideale per evitare iniziali imputridimenti che richiederebbero lunghi trattamenti chimici.

Quanto costa riempire una piscina con l’acqua comunale?

Prendiamo il costo medio dell’acqua al metro cubo nei Comuni italiani, che è di circa 1,00 € (dato aggiornato a inizio 2013).

Per riempire una piscina potete prevedere i costi riportati nella seguente tabella, in base alla capienza della vostra struttura.

Dimensioni piscina (m) Volume acqua (m³) Importo acqua (€)
4 x 8 x 1,50 (l x p x h) 45 45
6 x 10 x 1,50 (l x p x h) 70 70
6 x 12 x 1,50 (l x p x h) 110 110

Chiusura invernale delle piscine

Durante il periodo invernale è prevista una serie di operazioni indispensabili perché la piscina non subisca deterioramenti e l’acqua si conservi in condizioni di salubrità.

La chiusura invernale, nota anche come svernamento, può essere attiva o passiva.

Svernamento attivo

Il mantenimento della piscina prosegue anche durante l’inverno con una serie di operazioni fondamentali:

  • Pulire il fondo della piscina con gli appositi macchinari e prodotti igienizzanti.
  • Pulire la superficie dell’acqua da residui di foglie, ecc.
  • Controllare sempre il valore del Ph e mantenerlo equilibrato.
  • Svuotare e pulire il prefiltro e i cestelli degli skimmer .
  • Eseguire il lavaggio dei filtri o delle loro cartucce.
  • Lasciare in ricircolo 24 ore.
  • Trattare l’acqua rimasta nella piscina con prodotti anti-alga svernanti.
  • Disincrostare i filtri con i liquidi appropriati.
  • Non svuotare mai del tutto la piscina!
  • Coprire la piscina con un telo invernale.
  • Se la piscina si trova in una zona soggetta a gelate, il livello dell’acqua deve mantenersi al di sotto degli skimmer; occorre svuotare le tubazioni, la pompa e il filtro; bisogna chiudere i tappi di svernaggio degli skimmer, scollegare il filtro e la pompa riponendoli in un luogo riparato. Le guarnizioni devono essere ingrassate con prodotti specifici.

Svernamento passivo

In questa tipologia di chiusura invernale l’acqua non viene trattata in alcun modo. 

Rinviare ogni trattamento alla stagione successiva comporta un notevole aumento dei costi di manutenzione, oltre al rischio che impianti e accessori si rovinino.

Se vuoi consigli personalizzati per la gestione della tua piscina e suggerimenti sui prodotti più adatti per la sua manutenzione anche nel periodo invernale, non esitare a contattarci.